18 Novembre 2009 Marco Colombo

Maria Rosa Greco, giornalista e psicoterapeuta,  ha lanciato una campagna su Facebook di rivalutazione della sacralità del corpo femminile usando una foto del suo corpo velato da una zanzariera. Tutto é iniziato quando Fb ha rimosso questa foto dalla sua bacheca di foto di viaggi. Vedendo come Fb pulluli di immagini e filmati pornografici, ha pubblicato sulla sua bacheca un link, http://www.mediafire.com/imageview.php?quickkey=0mnv0zzrjdr, inmvitando i suoi amici a scaricarla e pubblicarla sulla loro bacheca con il titolo

NO ALLA PORNOGRAFIA

SI ALLA SACRALITA’ DEL CORPO FEMMINILE

per denunciare lo sfruttamento pornografico e commerciale del corpo femminile. Dopo le modelle e le attrici che usavano il proprio corpo nudo per lottare contro le pellicce, é la prima volta che nel nostro paese una stimata professionista utilizza il proprio corpo per una campagna di protesta. In pochi giorni il suo profilo ha quasi raggiunto i 2000 amici, e di questa storia si é occupato anche un sito canadese che denuncia le storture di Facebook. Potete trovare ulteriori dettagli sul blog della dott.ssa Greco, http://www.sessualmente.blogspot.com/, da cui riportiamo  qualche frase :”La rimozione della foto, a mio avviso, esprime una visione profondamente maschile e maschilista della donna, che se sceglie di mostrare qualcosa di se è automaticamente “una poco di buono” o oggetto di desiderio per maschi “vogliosi”.

Comments (3)

  1. Bill

    E nel blog come foto personale ha messo una tetta (o tettona) nuda e non velata, con il capezzolo ritto e ben visibile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *