27 Luglio 2009 Upper

Picasa per organizzare al meglio foto e immagini

Come riuscire a descrivere il software immagini di Google? Naturalmente tralasciando la sua fama ben nota e andando alla radice del suo utilizzo.
Picasa non è stato pensato come un software di editing per immagini: ovviamente ci sono le opzioni principali, come la correzione degli occhi rossi, zoom, inclinazione, la modifica del contrasto e dell’illuminazione e alcuni effetti come il b/n e il color seppia. E non preoccupatevi se fate dei pasticci, perché Picasa non modifica i file originali. Quello che invece Picasa fa benissimo è organizzare tutti i file immagine presenti sul nostro pc. Al lancio del programma infatti, Picasa scansiona il nostro Hd alla ricerca di tutte le immagini possibili, ma ovviamente possiamo impostarlo perché cerchi solo determinate cartelle. Così avremo tutte le foto in un posto solo, catalogate in album i quali possono essere modificati con l’aggiunta di tag per riuscire a trovarle meglio in futuro, risparmiando così tantissimo tempo.

Le immagini poi possono essere inviate via mail o sul blog con pochi click, grazie alle comode funzioni di condivisione.
Ci sono altre chicche minori, come la possibilità di creare degli slideshow dalle immagini, fare il backup delle stesse (molto importante se abbiamo foto preziose) e creare degli album per il web.

In definitiva il software immagini di Google è stato pensato per l’utente medio, che ha necessità solo di sapere dove sono le sue foto, e occasionalmente di fare piccole correzioni. E in questo ci riesce benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *